Pubblicato il

Gli Strumenti web e cartacei per la vendita. I tools dell’Account.

Gli strumenti di vendita dell’Account commerciale

La vendita è una vera e propria arte. E come ogni arte ha i suoi strumenti. Se a un impiegato commerciale, infatti, vengono in soccorso una buona dose di coraggio, spirito di iniziativa e – perché no – fortuna, senza appropriati strumenti di promozione e vendita l’account non potrebbe in alcun modo fare il suo lavoro. L’account infatti deve presentare al cliente prodotti e servizi in modo efficace per venderli e per essere in grado poi di spingere il cliente stesso alla fidelizzazione. Ma quali sono questi strumenti di vendita? Vediamoli insieme!

Strumenti commerciali online: dall’i-pad al pdf interattivo

La tecnologia aiuta, al giorno d’oggi, anche l’atto di vendita. Racchiudere, per esempio, tutti i prodotti e i servizi in un unico dispositivo come l’i-pad facilita l’Account. Lo aiuta intanto a non perdersi tra numerose scartoffie e ad avere tutto a portata di click. Mostrare il sito web aziendale, un video dei servizi proposti, risulta di grande impatto, mostrando concretamente quanto l’Account è in grado di descrivere e raccontare. Allo stesso modo, un pdf interattivo al posto di un semplice catalogo cartaceo permette di “sfogliare” con più disinvoltura tra le pagine e di trovare con rapidità un determinato prodotto durante un appuntamento. Questa tipologia di supporti poi incuriosisce il cliente perché lo coinvolge attivamente e visivamente. Il cliente stesso può scorrere, cliccare e accedere a contenuti multimediali ottenendo risposte concrete in tempi ridotti.

Strumenti di vendita offline: una brochure è per sempre!

E se la tecnologia è di grande aiuto durante l’appuntamento, ci sono strumenti più tradizionali indispensabili per lasciare al cliente un documento concreto e tangibile dell’incontro appena svolto.

[icon name=”bookmark-o” class=”” unprefixed_class=””]Il biglietto da visita è sicuramente il primo promemoria per il cliente che l’account dovrà avere tra le sue mani. Innanzitutto il biglietto da visita denota professionalità nell’approccio. Poi il bigliettino da visita associa il volto dell’account a un nome, un’azienda, a recapiti precisi. E potrà sempre essere recuperato dal cliente, specie se “pinzato” alla cartellina aziendale dove l’account avrà raccolto gli stampati di presentazione della sua ditta.

[icon name=”bookmark-o” class=”” unprefixed_class=””] La brochure illustrativa dell’azienda, dei servizi offerti e del portfolio clienti, è un po’ come la carta d’identità aziendale. Attraverso i colori, le immagini, il registro scelto per i testi è in grado di trasferire al cliente in modo immediato l’immagine dell’impresa o dell’attività. La brochure inoltre permette di focalizzare lo specifico aziendale: perché il cliente dovrebbe affidarsi a noi?

[icon name=”bookmark-o” class=”” unprefixed_class=””] Un catalogo cartaceo può sempre far comodo come promemoria materiale, senza contare che per alcuni clienti può essere un segno concreto della professionalità e dell’affidabilità dell’azienda. Mentre per determinati settori è ancora indispensabile.

[icon name=”bookmark-o” class=”” unprefixed_class=””] Volantini e cartoline sono articoli altrettanto utili. Grazie alla stampa digitale, i costi produttivi sono davvero contenuti. Realizzato un format grafico di base, è possibile cambiarne il testo e alcuni elementi visual per aggiornare la propria offerta. Sono lo strumento ideale per promozioni, sconti, eventi locali.

[icon name=”bookmark-o” class=”” unprefixed_class=””] Piccoli gadget (come ad esempio segnalibri e calendari) sono graditi al cliente che potrà tenerli sulla scrivania, ricordandosi così dell’azienda.

Insomma, se vendere è un’arte difficile, occorre “partire” attrezzati e organizzati. Gli strumenti di vendita, lungi dall’essere noiosi dettagli, sono estremamente importanti. Per questo devono essere oggetto di un progetto specifico, perfettamente in linea con l’immagine coordinata dell’azienda. E voi come attrezzate i vostri venditori?